memo

Adelmo, al collo un gagliardo fiocco rosso, almeno dal nome di origine germanica appare come una specie di nobile protettore. Anche il suo cognome rimanda alle foreste oscure, lo so bene. Un nome usato poco però. A Roma era chiamato Memo, la storpiatura del nome gli rimase addosso anche quando si spostò al sud, al sole di Catania. Nel 1955, ancora alla Roma, era stato suo il goal di un pareggio, credo famoso, con la Juventus. In Sicilia molte reti, molte presenze in squadra. Sembrava un normanno, nonostante i capelli scuri. I siciliani l’hanno amato negli anni del boom. Quel pareggio divenne leggenda. Forse, non sono così sicuro. Mi invento la vita di uno che aveva il mio cognome e basta.

s-l1600 (5)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...