L’ALBA SPIRITUALE

Quando in casa dei tristi l’alba bianca e vermiglia

penetra, e l’ideale le sta accanto altero,

d’un tratto, per l’incanto d’un vindice mistero,

dal bruto in sonno un angelo sorge aprendo le ciglia.

L’azzurro inattingibile per l’uomo che, riverso,

sogna i cieli dell’anima gemendo crocefisso,

s’allarga e si sprofonda con fascino d’abisso.

Così, mia cara Iddia, essere puro e terso,

dagli avanzi fumosi dell’orge e dei piaceri

stupidi, il tuo ricordo, si chiaro, non dilegua

ma dintorno al mio sguardo volteggia senza tregua.

Il sole ha quasi estinto la fiamma dei doppieri;

così, vince su tutto il tuo fantasma: eguale,

anima risplendente, al gran sole immortale.

CHARLES BAUDELAIRE

(traduzione di Romano Palatroni)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...