PRIMAL SCREAM

Prima di salire sul palco del Velvet di Rimini, un brano dei Sex pistols è come una sigla che preannuncia l’ingresso in scena dei Primal Scream: God save the Queen ad un  volume ovviamente esagerato.

Bobby Gillespie, il leader e cantante del gruppo, si avvicina verso di me con i pugni alzati e incrociati, con il gesto che il popolo di 1984 compie nelle riunioni di massa. Il gesto è visibile nel film interpretato tra gli altri da Richard Burton nella sua ultima apparizione cinematografica. Il film uscì proprio in quel fatidico anno divenuto proverbiale.

Gillespie non può evitarmi, impugno una piccola telecamera e sono proprio nel punto di passaggio per arrivare al palco. Il resto del gruppo è dietro, tutti loro aspettano la fine del brano per iniziare lo show. Quando mi è vicinissimo, mi accosto al suo orecchio per farmi ascoltare. Gli dico I was in London in 1977, punk is great, lui dice yeah man (o qualcosa del genere) e continua ad alzare i pugni. Era stato vent’anni prima e Gillespie era un quindicenne.

L’inno punk finisce e i Primal Scream balzellano fino ad occupare le loro posizioni per il concerto. Gillespie appena afferrato il microfono urlerà PUNK IS GREAT.

Un pensiero su “PRIMAL SCREAM

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...