PRENZ

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(lettera spedita in busta affrancata al poeta Octavio Prenz, posta ordinaria, all’interno una cartolina con i resti di Helvia Recina e il mio biglietto da visita, la lettera è firmata a penna, la data è scritta a penna) gentile octavio, casualmente molto casualmente ho trovato su google/libri il titolo di un suo volume di poesie, correlato al nome del paese dove sono nato … in habladurìas del nuevo mundo scrive: in località villa potenza sono i resti di helvia ricina… … sono legato a quei sassi romani da ricordi lontani guadavamo il fiume sotto le rovine e eravamo nel tempo classico entravamo nel teatro e ci sentivamo gladiatori, impugnando finte daghe fatte col legno con fare minaccioso, lo sguardo torvo, roteando le armi contro il cielo il tempo del gioco che è il tempo della vita che non finisce mai … vorrei saperne di più di questa sua citazione, di questo suo dire di un luogo che mi è caro com’è arrivato nella vecchia città distrutta? ha visto i mattoni antichi? ha respirato quell’aria? dove trovare il suo libro -nemmeno tradotto in italia-  pubblicato a madrid? … grazie, caro amico poeta, di qualsiasi sua risposta, anche se forse il luogo dove sono nato non c’entra niente con le sue habladurìas … strana l’assonanza del suo cognome con il mio, è la prima cosa che mi ha colpito e l’ultima che scrivo … (non ho ancora ricevuto risposta, poi chissà se è vera l’associazione con il mio paese, non ho più trovato quella pagina)

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...