IL CONFINE MEDIATICO (8)

LA TELEVISIONE UCCIDE LA REALTA’?
“LEZIONE MAGGGISTRALE”  tenuta all’Accademia di Macerata, corso di cinema prof. pierpaolo loffreda (novembre 2009)

mi presento prima dell’incipit…
sono maceratese, nato a villa potenza (sembra l’inizio di un romanzo di saul bellow, “le avventure di augie march” sono americano, nato a chicago…)
ricordo quando l’accademia si trovava a palazzo buonaccorsi
e ricordo un artista nato nel mio paese, valeriano trubbiani, che con la sua aria stravagante usava fiamme ossidriche per sculture che nessuno capiva nel paese, poi trubbiani ha anche diretto l’accademia ecc
sono un giornalista-regista
lavoro presso l’emittente di stato della repubblica di san marino
qui ho conosciuto loffreda che periodicamente collabora con la tv e a san marino si occupa delle rassegne cinematografiche d’autore

L’ incipit…

-qualsiasi tipo di incipit, letterario, di una trasmissione, di un discorso
(proprio come questo mio che più di tutto si occuperà di eveline, cioè delle immagini che da Ginevra, come vedremo, giungono alle emittenti televisive associate)

l’incipit è una sorta di assolvenza, lo schermo nero si apre su un mondo fatto di immagini, di parole, comunque di concetti, il più delle volte nel caso di libri, solo di caratteri tipografici, parole in sequenza, accapo, parentesi, nient’altro.

OGGI LA MAMMA E’ MORTA. O FORSE IERI, NON SO. (Camus, Lo straniero)

E’ COMINCIATA COSI’. IO, AVEVO MAI DETTO NIENTE. NIENTE. (Cèline, Viaggio termine notte)

ENTRO’ CARLA. AVEVA INDOSSO UN VESTITINO DI LANETTA MARRONE CON LA GONNA COSI’ CORTA, CHE BASTO’ QUEL MOVIMENTO DI CHIUDERE L’USCIO PER FARGLIELA SALIRE DI UN BUON PALMO SOPRA LE PIEGHE LENTE CHE LE FACEVANO LE CALZE INTORNO ALLE GAMBE. (Moravia, Gli indifferenti)

SEI GIORNI FA UN UOMO SI E’ FATTO SALTARE IN ARIA SUL CIGLIO DI UNA STRADA DEL WISCONSIN DEL NORD. (Auster, Leviatano)

MIO CUGINO COMPIVA GLI ANNI DIECI GIORNI PRIMA DI NATALE E SUA MOGLIE GLI AVEVA ORGANIZZATO UNA FESTA A SORPRESA, HA TELEFONATO PER DIRMI CHE DOVEVO ASSOLUTAMENTE ANDARCI.
(DeCarlo, Arcodamore)

IL 1° LUGLIO 1998 CADEVA DI MERCOLEDI.
(Houellebecq, Le particelle elementari)

Il gioco dell’incipit risulta facile con quelli letterari, un po’ meno nei film

(Provate a farlo davvero il gioco dell’incipit, è avvincente)

I titoli di testa occorre sempre considerarli, in certi casi fanno storia a sé, sono quasi un genere, come nel caso di 007 ( viene sempre coinvolto un interprete particolare per la musica dei titoli e fino al 1991 i titoli erano una specie di marchio di fabbrica di Maurice Binder (che si ispirò a LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (1958) di Hitchcock

Spesso però prima dei titoli c’è una sequenza che serve a far assaporare quello che verrà dopo oppure a farti dire come Snoopy il mistero si infittisce

Mi viene in mente ancora OO7, dove prima dei crediti c’è un condensato del mondo-bond con un minifilm che spesso non anticipa niente di particolare, ma regala un’atmosfera, Bond si riaggiusta semplicemente lo smoking dopo una sarabanda di situazioni pericolose spettacolari avvincenti dal sapore forte

curiosità: la sequenza si chiama GUNBARREL (canna di pistola) perché segue la sigletta grafica, quella con il punto di vista dell’interno di una canna di pistola
sullo sfondo Bond è preso di mira ma dopo due passi si volta
e spara
lo schermo si tinge di rosso e parte il film anche se lo schema è stato spesso stravolto nell’evoluzione del gusto ecc

vediamo la sequenza tratta da un DVD dedicato a 007
http://www.youtube.com/watch?v=HpDLRkf2CD0
(…)

un paio di riflessioni
prima di passare all’ebu, alle eveline, a come riversarle, vedere le
immagini, catalogarle, capire che cosa contengono, da dove
arrivano, quale meccanismo viene utilizzato…vi leggo un articolo
di marco belpoliti, comparso su la stampa il 20 marzo 2009

prima riflessione:
il mondo tecnologico rende più stretto il mondo, eppure…

il titolo dell’articolo: IGNORA IL PROSSIMO TUO
http://altrimondi.gazzetta.it/2009/03/ignora-il-prossimo-tuo.html
(…)

l’altro spunto di riflessione proviene da una anticipazione del prossimo libro di Jean Baudrillard, uscita su repubblica il 18.02.09, nella sezione cultura

baudrillard è scomparso da poco…
filosofo e sociologo, scriveva libri pieni di iperboli colme di buon senso per quanto esagerate -da leggere in un senso più generale- direi epistemologico
dalla prospettiva del quotidiano forse le sue analisi sono plausibili fino ad un certo punto, ma hanno il linguaggio adatto per misurare il polso della situazione

leggiamo IL DELITTO PERFETTO 1996, ed.cortina pag.69

il brano che la repubblica anticipa è anch’esso molto interessante,
è in uscita un libro postumo da cui a sua volta è tratto il brano, forse qui Baudrillard parla più efficacemente della nostra quotidianità, introducendo ottimamente il discorso relativo alle eveline

QUANDO L’IMMAGINE CANCELLA LA REALTA’
di jean baudrillard
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/02/18/quando-immagine-cancella-la-realta.html

(…)

per alleggerire il discorso vi mostro un pezzo che ho realizzato per il magazine settimanale della san marino rtv con immagini di eveline che descrivono ina successione temporale day-by-day le fasi della guerra di Gaza, è senza commento ma la musica e i versi di una canzone dei rage against the machine dicono più di tanti testi giornalistici
BEAUTIFUL WORLD

(…)

veniamo al dunque
la storia dell’ebu la trovate sulla versione italiana di wikipedia
su quella mi baso

il sito ufficiale è in francese e in inglese
http://www.ebu.ch
il dominio è svizzero: è un dato significativo che spiega lo spirito “indipendente” voluto dai fondatori
(comunque apparentemente indipendente per forza di cose perchè è bene che lo sappiate la purezza non esiste da nessuna parte, neanche a greenpeace e ad amnesty)

STORIA DELL’EBU
http://www.ebu.ch/
sigla eurovisione (anche radiofonica)
eurofestival
giochi senza frontiera

(…)

passiamo alla parte più propriamente “tecnica”, direi anche meccanica, dell’acquisizione e utilizzo delle immagini, quello che dovrebbe, a mio avviso, esser fatta da stagisti provenienti da un corso di comunicazione dell’accademia delle belle arti, per esempio

per accedere all’utilizzo del materiale che l’ebu quotidianamente invia alle emittenti associate, bisogna connettersi al sito http://www.eurovision.net dove si trovano le informazioni di base per realizzare un servizio per il tg oppure per ricavare comunque i dati basilari (luogo e data di dove e quando le immagini sono state girate, per esempio) per un no-comment, quel tipo di programmi dove vengono proposte le immagini del mondo senza essere speakerati

no-comment (euronews)
decoder (rainews24)
senza parole, globus (san marino rtv)

occorre una password per entrare…
adesso vi mostro quello che il sito contiene, almeno quello che interessa di più…

(…)

c’è un altro collegamento che permette in ftp di acquisire in formato mpeg le immagini,
dopo un paio di click lo shot è pronto per la messa in onda,
basta ripulirlo un po’ in testa e in coda e volendo può essere trasmesso in tempo-quasi-reale

in altri casi ci si può collegare in diretta al servizio e naturalmente in questi casi non occorre nessun tipo di lavorazione

(…)

qualche esempio del trattamento delle immagini in fase di postproduzione
di solito si opera una sorta di censura preventiva (mostrare persone insanguinate o morte o pezzi di corpo sparse per la via dopo un attentato kamikaze non è necessario, diventerebbe morboso e comunque potrebbe ferire la sensibilità di molti spettatori

LA SOGGETTIVA DELLA VIDEOCAMERA da il mulino
il Mulino
Rivista bimestrale di cultura e di politica
ISSN : 0027-3120
——————————————————————————–

Numero: 1, gennaio-febbraio 2009

DOI: 10.1402/28665
Finte verità. La soggettiva da videocamera
Emilio Cozzi

RIUNIONE DI FAMIGLIA ballard
http://www.thrillermagazine.it/rubriche/2958

Un pensiero su “IL CONFINE MEDIATICO (8)

  1. “Destandosi un mattino da sogni inquieti, Gregor Samsa si trovò tramutato, nel suo letto, in un enorme insetto” …..non mi sembra male come incipit!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...